L’insostenibile desiderio di fare no con la testa

La vecchiaia di ogni persona (secondo recenti statistiche -mie-) porta con sè l’abitudine di guardare fuori dalla finestra.

Precisiamo che questo tipo di ‘guardare’ non è lo stesso desiderio di apertura al mondo che può interessare un bambino o un adolescente o un universitario che maledice l’esame imminente e la giornata  di sole: questo guardare è più un desiderio irrefrenabile di sapere cosa fa il tizio qui di fianco.

Uno dice: beh, meno male che c’è facebook che mi pare che è un sinonimo di social networc e mi faccio i fatti degli altri da lì; e in effetti il meccanismo è più o meno lo stesso.

Comunque, il vecchio on progress si interessa al mondo esterno in un modo molto personale: pone tra sè e il giardino del vicino 2 tipi di barriere: una è fisica, il vetro della finestra, con annessa (fondamentale) tendina stile ‘mantello dell’invisibilità’, e va bene, e l’altra è più psicologica, e sul dizionario ho scoperto che si chiama pregiudizio.

Ora, senza stare ad analizzare troppo, per me pregiudizio significa che io arrivo a guardare e in realtà ho già deciso cosa pensare del mio vicino: questo potrebbe uscire di casa per fare beneficenza ai bambini malati di cancro, il praticante anziano potrebbe tirar fuori qualcosa del tipo “Eh lo so io a quello lì come piacciono i bambini”, o cose del genere. In ogni caso il nostro amico portatore sano di cellule cerebrali in disuso, a partire da qualsiasi argomento, troverebbe sicuramente un modo per iniziare una frase con “eh sì ma  quello lì..”.

Quello che c’è di davvero magnifico in questo soggetto sociale evidentemente privo di passatempi è l’assoluta certezza della ragione che si porta dietro, è la palese solidità di qualsiasi teoria esca dalla sua bocca, è la per niente velata generosità con la quale il nostro Martin Luther King elargisce perle di saggezza gratuite.

è la nonchalance con cui salta a piè pari tutte le abitudini che si porta dietro lui, tutti  gli esempi che potrebbe tirar fuori il suo vicino guardando dentro la sua, di casa, anzi, magari in questo momento l’anziano dirimpettaio sta proprio facendo di no con la testa mentre sbircia coperto dall’infallibile tendina della finestra.

E così il nostro paladino del comportamento socialmente accettabile si dà soddisfatte pacche sulle spalle mentre guarda attraverso le sue 2 barriere i comportamenti del tizio di fianco, senza accorgersi che nel momento in cui sta guardando fuori dà le spalle a quello che succede dentro casa sua.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...