Gretaevanessa e il primo giorno di scuola

Ora che ne hanno parlato tutti e ho potuto leggere un sacco di cose davvero furbe sulla vicenda

(eccone un paio: prendiamoci 20 minuti e impariamo qualcosa

è ora che anch’io dica la mia, consapevole del fatto che in pochi leggeranno queste righe e non cambierò il mondo.

[La farò mooolto breve perché altrimenti scriverei 60 pagine di cose che non interessano a nessuno.]

Purtroppo so che questi preziosissimi consigli non raggiungeranno le persone che ne hanno davvero bisogno, ma dopo giorni e giorni di link, commenti e tweet ripieni di ignoranza sto covando acidità e ho bisogno di esprimerla, come va va.

Mi sembra superfluo far notare che se Greta e Vanessa fossero state Luca e Andrea, tutte le notizione a sfondo sessuale (o sull’aspetto fisico) non sarebbero neanche venute fuori, e Gasparri avrebbe avuto tempo di veicolare la sua totale alienazione dal mondo reale verso l’ennesimo adolescente sovrappeso che ascolta Fedez.

Invece, purtroppo, ci siamo ritrovati a scoprire che le due ragazze forse sono state stuprate (che tanto gli è piaciuto a ste maiale), poi era consenziente, e per finire sono ingrassate, maledette. Altro che prigionia.

Allora, di parole se ne sono già fatte, quindi io vorrei proprio solo dare due consigli a chi continua a credere a qualsiasi notizia del corrieredelcorsaro e, non contento, aggiunge anche commenti personali (del tipo, appunto: se lo sono cercato, dovevano stuprarle, gli è piaciuto, zoccole, ecc).

Questo perché, cari i miei ignoranti cafoni deviati mentali che trovo su facebook e ogni giorno deliziate la mia giornata con lo sterco che riuscite a riversare sull’internet, io in realtà vi voglio bene e vorrei che faceste una figura migliore, quando condividete bufale talmente evidenti che neanche il mio cane ci cascherebbe. E il mio cane si rincorre la coda.

Vorrei farvi notare, stelline di zucchero, che agitarsi (o tifare) per uno stupro di due ventenni, secondo me, mette solamente in luce il vostro gusto malato per il sesso violento e non consenziente che avete imparato a coltivare dopo anni di youporn.

Che notare l’aumento di peso di ste due povere criste che hanno vissuto a pane e spezie per settimane, sotto sotto, è come gridare al mondo “Ragazzi sono così insicuro ogni volta che mi guardo allo specchio, che l’unico modo per sentirmi meno inutile è guardare e insultare l’aspetto fisico di una ragazza, proprio come fanno le 15enni al liceo”.

Vorrei che capiste che, nonostante i vostri 30 – 40 – 50 anni suonati, ogni volta, cadete nello stesso meccanismo del primo giorno di scuola media.

Quel momento cruciale della vita in cui ogni ragazzino (secondo me succede meno con le ragazze, ma comunque succede, eh) è consapevole di valere zero, e l’unico modo per sopravvivere è cercare e additare il prima possibile qualcuno convincendo gli altri che c’è gente più sfigata.

Ecco, vorrei che vi rendeste conto che scagliarvi con questa violenza su due ventenni che hanno avuto il coraggio di scendere dal divano e aiutare della gente che sta morendo sotto le bombe scopre le vostre vere fattezze: un 11enne brufoloso di 40 kg che si fa le pippe e ha così paura di sembrare sfigato che deve denigrare chi gli sta intorno.

Ocio. Lo dico per voi. Che poi magari vi lamentate anche, quando la gente si schifa a stringervi la mano.

Annunci

2 thoughts on “Gretaevanessa e il primo giorno di scuola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...